«CATECHETICA ED EDUCAZIONE»
da oggi puoi scaricare il secondo numero del 2021!!!

“Il volto della catechesi nel nuovo Direttorio”

 

ACCEDI ALLA RIVISTA ONLINE nella sezione “CATECHETICA ED EDUCAZIONE”

 

Editoriale

L’Istituto di Catechetica ha proposto nell’inverno del 2021 una serie di Webinar su La catechesi nel processo di evangelizzazione a partire dal Direttorio. Gli incontri tenuti online si prefiggevano l’obiettivo di approfondire alcuni contenuti del recente Direttorio per la catechesi.
Hanno aderito alla proposta numerosi catecheti a livello internazionale (circa 80 partecipanti) e il dialogo schietto e immediato ha fatto emergere alcune tematiche meritevoli di ulteriore approfondimento. Con l’obiettivo primario di mettere maggiormente a fuoco il significato e la consistenza del nuovo Direttorio rivolto alla Chiesa universale, in questo numero di «Catechetica ed educazione» (C&E), ci si sofferma sugli argomenti individuati distribuiti in tre sezioni.

La prima sezione punta l’attenzione sul processo di evangelizzazione in questo nostro tempo. Gilles Routhier, con il suo articolo La Chiesa evangelizza nell’inedito tempo del Covid-19, tenta di cogliere le grandi sfide che attendono la Chiesa del presente e del futuro. La crisi attuale se può produrre stanchezza e paralisi, può tradursi in opportunità per un rinnovato pro-getto di Chiesa e per la rivitalizzazione di ogni comunità ecclesiale. A un’unica condizione: se si sa apprendere la lezione teologica e antropologica che affiora dalla contingenza storica e decifrare i “segni dei tempi” che non mancano insieme alle immancabili difficoltà. Evangelizzazione e cultura: intreccio ineludibile per la Chiesa e la catechesi di oggi è il tema affrontato da Antony Christy Lourdunathan. Il rapporto tra evangelizzazione e cultura (al singolare e al plurale) è certamente un punto nevralgico del dibattito teologico-pastorale contemporaneo. Oltre a delineare gli aspetti più importanti della problematica, considerando la letteratura scientifica sull’argomento, l’autore offre una rilettura del nuovo DC mettendo in evidenza le sfide e i compiti più importanti per sanare l’attuale “rottura” ed evitare corto-circuiti che impediscono la via del dialogo e del confronto, dell’intesa e dell’armonia tra Vangelo e cultura/e. A partire dalla riflessione sviluppata in questi ultimi anni, a Luciano Meddi è stato chiesto di porre in rilievo la concezione de L’evangelizzazione come processo, facendo luce sull’orizzonte in cui si staglia la catechesi: l’evangelizzazione è considerata come un processo artico-lato, complesso e complessivo della vita e dell’agire ecclesiale che coinvolge pienamente l’esistenza umana, gli stadi evolutivi e le condizioni della vita. Chiude questa sezione la riflessione di Gianni Colzani su un tema particolarmente interessante e in gran parte inedito nella sensibilità e nella riflessione teologico-pastorale: La dimensione pneumatologica dell’evangelizza-zione e della catechesi. È stato questo uno degli aspetti particolarmente avvertito in uno dei tre Webinar e ha richiesto un adeguato approfondimento. Si pone così in evidenza l’importanza e la specificità della presenza-azione dello Spirito da considerare non come il “grande assente” nella prassi evangelizzatrice della Chiesa ma accolto come soggetto “discreto” ep-pure “determinante”, “signore” e “vivificante”.

La seconda sezione punta l’obiettivo sulla catechesi. A partire dagli scambi registrati nei tre Webinar, Cesare Bissoli, con il suo intervento su La Bibbia nel Direttorio per la catechesi: tra presenza e latenza, tra esplicito e implicito, analizza il ruolo della Bibbia nella strutturazione e nella declinazione del nuovo Direttorio. Mentre tiene conto delle due precedenti edizioni (1971 e 1997), evidenzia e documenta se e come la Bibbia sia presentata e costituisca per il DC come la “fonte” e l’“anima” della catechesi.
Juan Carlos Carvajal, nel contributo L’annuncio e la catechesi nel nuovo Direttorio. Punti nodali e precisazioni di base mette in risalto non solo termini ma anche dinamiche, processi e rapporti riportati e proposti per il cammino di fede nella mutua distinzione e correlazione, trattando in particolare il nesso tra “annuncio” (kerigma), catechesi e particolari “crasi” presenti nel magistero recente (EG e DC) quale ad esempio “catechesi kerigmatica”. La dimensione mistagogica della vita cristiana e la catechesi nel Direttorio è quanto viene trattato da Elena Massimi, in continuità con il precedente intervento. La tematica della “mistagogia” è colta nel rapporto tra catechesi e liturgia, tra processo catechistico e momento mistagogico, facendo esplicito riferimento, sull’onda di Evangelii gaudium, alla “catechesi mistagogica”. Del DC si mettono in evidenza gli aspetti positivi e si pone qualche osservazione critica nel confronto con le fonti di cui si serve.
La terza sezione si sofferma ulteriormente sul Direttorio. Miguel López Varela nel suo articolo coglie L’influsso del recente magistero accennando ai testi magisteriali di Paolo VI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI e facendo particolare menzione di quelli dell’attuale papa Francesco. Giuseppe Ruta ha curato la raccolta di interventi su La ricezione del Direttorio in diverse parti del mondo, muovendo dall’esperienza del terzo Webinar. Sebbene circoscritto e limitato, il forum per email offre un ventaglio di riflessioni-analisi rappresentative, grazie ai collabora-tori in gran parte ex-allievi dell’Istituto: Fredy Armando Alvarez Rodriguez e Wilber Leandro Ayala Gomez (Colombia), Stijn Van den Bossche (Belgio), Magda Burger (Slovenia), S.E. Mons. Timothy John Costelloe (Australia), Albertine Ilunga Nkulu (Congo), Alejandro Lopez-Cardinale (USA), Jayapalan Raphael (India), Balbino Juárez (Guatemala).

Si deve a Corrado Pastore Una prima raccolta bibliografica essenziale, come invito alla lettura e all’approfondimento su quanto è stato pubblicato e redatto in volumi e riviste, siti web sul nuovo Direttorio.
A coronamento di questo numero della Rivista, i Membri salesiani dell’Istituto di Catechetica hanno condiviso idee e riflessioni sul Motu proprio di Papa Francesco Antiquum ministerium e offrono il loro contributo congiunto di riflessione sulla figura “antica e sempre nuova” del catechista, impegnandosi a continuare lo studio e la proposta di adeguati corsi di formazione per quanti sono catechisti da anni e quanti, soprattutto tra i giovani, sono chiamati a questo servizio prezioso di evangelizzazione ed educazione nella fede.
Buona lettura a tutti.

 

I MEMBRI DELL’ISTITUTO DI CATECHETICA
catechetica@unisal.it

 

ALLEGATO

C&E 6 agosto (2021)2 Online