FORUM «IRC»
 
 
editore |17.11.2014
200508-070
Guardare alla situazione attuale e allargare lo sguardo sul futuro per «Ripensare la comunicazione», sotto il profilo delle teorie, delle tecniche e delle didattiche. È questo l’obiettivo del Convegno con cui la Facoltà di Scienze della comunicazione sociale (Fsc) dell’Università Pontificia Salesiana di Roma festeggia i suoi 25 anni. Una «due giorni» di riflessione, confronto e workshop che si apre venerdì 14 novembre nella sede dell’ateneo con i saluti dell’arcivescovo Claudio Maria Celli, presidente del Pontificio Consiglio delle comunicazioni sociali, di Carlo Nanni, rettore, e di Mauro Mantovani, decano della Fsc, per tracciare alcune linee programmatiche, ribadendo la necessità che il comunicare vada oltre la mera tecnologia per fare rima con la passione per la verità, l’attenzione al mondo giovanile e alle fasce più deboli e marginalizzate, la promozione della giustizia, del dialogo e della pace. L’ateneo ha deciso di conferire il dottorato honoris causa a padre Federico Lombardi, direttore della Sala Stampa vaticana, per il «suo costante e continuo servizio nell’opera di evangelizzazione e di diffusione del messaggio cristiano e della voce del Papa nel mondo attraverso i mezzi di comunicazione sociale». Alla cerimonia intervengono don Ángel Fernández Artime, rettor maggiore dei salesiani, monsignor Domenico Pompili, direttore dell’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali della Cei, padre Antonio Spadaro, direttore de La Civiltà Cattolica, e Cosimo Alvati, docente della Fsc.

In allegato il discorso pronunciato da Mons. Pompili per padre Lombardi.

 

Comments are closed.

«ICA»: chi siamo? Newsletter La redazione