FORUM «IRC»
 
 
editore |18.01.2013
Promozione Credo

Un film artistico. Un’opera che reinterpreta il Simbolo della Fede in chiave moderna.
E’ la storia del Viaggio della Fede. Una barca che solca il mare, tutti sono invitati a salire per scoprire il segreto della vita. Fino all’approdo finale.
La scelta del linguaggio simbolico nei suoi molteplici aspetti (Immagini, Danza,Teatro) e il coinvolgimento delle canzoni che accompagnano i tre capitoli del Film, fanno di quest’Opera uno strumento di comunicazione caldo, sintetico e universale.


Prodotto in occasione dell’Anno della Fede e Sinodo sulla Nuova Evangelizzazione e in collaborazione con l’Ufficio Catechistico Nazionale, l’Ufficio nazionale per i Beni Culturali ecclesiastici, l’Ufficio nazionale per la Pastorale di pellegrinaggi, tempo libero, turismo e sport, il Servizio nazionale per il Progetto Culturale. 
Un’opera per comunicare e riflettere sulla bellezza dell’essere cristiani e dell’appartenenza ecclesiale.


Il progetto

Si tratta di un DocuFilm artistico che presenta i contenuti essenziali del simbolo apostolico in modo nuovo, così da risvegliare l'attenzione sia dei vicini sia di coloro che si sentono lontani. Una particolare attenzione è rivolta al mondo giovanile, allo scopo di far percepire la giovinezza della Chiesa e la freschezza della sua proposta di vita. Il linguaggio utilizzato è la riproposizione in chiave moderna della grande tradizione simbolica cristiana, a cominciare dalla barca a vela, set principale e simbolo biblico - patristico della Chiesa. Il simbolo apostolico come la fede nascono all'interno del noi ecclesiale, la barca che solca il mare della storia per portare tutti all'approdo definitivo.

 

I temi

Con una chiave di intonazione ecclesiologica sono stati riletti e presentati gli elementi costitutivi della fede contenuti nel simbolo. In primo luogo la Rivelazione dell'amore trinitario nel creato e nella storia della salvezza, con al suo centro l'incarnazione, la morte e la risurrezione di Gesù che la rendono possibile. In secondo luogo la dialettica che la libertà infinita instaura con la libertà creata in Cristo. Infine l'accentuazione della destinazione escatologica, inaugurata dalla risurrezione di Gesù ad opera del Padre, raffigurata dal banchetto e dalla festa a cui giunge la Chiesa, dopo aver subito la trasformazione dei cieli nuovi e della terra nuova.

 

L'orizzonte

La scelta del linguaggio simbolico nei suoi molteplici aspetti (immagini, danza, teatro) e il coinvolgimento per le canzoni a supporto delle tre parti in cui è diviso il DocuFilm di artisti noti (Gen Rosso, Luca Carboni) consentono di utilizzare il prodotto artistico in modo più ampio: la musica e il linguaggio simbolico si prestano ad una comunicazione calda, sintetica e universale.

 

Vedi il trailer su www.ilcredo.it
 
editore |10.12.2012
fantascienza_n01

Il nuovo progetto di "comunicazione-verità" del Servizio Promozione Sostegno Economico


Il Servizio per la Promozione del Sostegno Economico alla Chiesa cattolica della C.E.L, ha realizzato il film documentario "Questo non è un film" che contiene storie di veri sacerdoti e di volontari della diocesi di Napoli, che sacrificano con amore e passione la loro vita ai malati, ai senza tetto, ai rom, o combattono senza armi la criminalità organizzata.


Si sviluppa in 4 episodi (titolati "La Scomparsa"; "Vita sul Pianeta Scampia"; "Storia d'Ammore"; "La Guerra di Ogni Giorno") con temi diversi legati al genere cinematografico: Thriller, Amore, Fantascienza e Guerra, episodi che raccontano storie di vita difficili, con un comune denominatore: la verità.


I protagonisti dei 4 episodi sono:


- don Antonio Vitiello che gestisce "La Tenda", un centro di accoglienza nel quartiere Sanità, per dare riparo, alloggio e pasti, ai senza tetto e a chiunque ne abbia bisogno;


- don Alessandro Gargiulo, parroco di Santa Maria del Buon Rimedio nel quartiere Scampia, che cerca di dare delle risposte concrete agli abitanti di questa zona di Napoli: grazie a don Alessandro si è creato il comitato "Dateci Facoltà" che si batte per costruire la facoltà universitaria di Medicina in questo quartiere privo di servizi per i cittadini;


- don Tonino Palmese che combatte contro l'illegalità anche attraverso un'associazione che riunisce le famiglie delle vittime colpite dalla criminalità organizzata.


- I volontari e gli operatori della Caritas di Napoli in difesa dei diritti Rom con progetti di scolarizzazione, sanitari e di integrazione, per cercare di dare loro una vita ed un futuro dignitosi.


Il progetto è stato realizzato con l'obiettivo di diffondere la conoscenza delle Offerte per il sostentamento del clero e di avvicinare un pubblico giovane al mondo e all'operato dei sacerdoti e della Chiesa cattolica. La campagna di comunicazione si è sviluppata sul web in 2 riprese: nel mese di dicembre scorso e a cavallo dei mesi di marzo e aprile 2012.


E' possibile trovare il film documentario di 33 minuti sul web: www.questononeunfilm.it e www.insiemeaisacerdoti.it sezione "Campagna".


 

 
editore |01.10.2012
Image_0

"Cesare deve morire" di Paolo e Vittorio Taviani è il candidato italiano a concorrere all'85ma edizione del Premio Oscar.


Il film dei Taviani, già premiato con l'Orso d'Oro a Berlino, ha prevalso sugli altri nove titoli che erano entrati nella short list dei dieci partecipanti alla selezione iniziale, tra cui la "Bella addormentata" di Marco Bellocchio, "


Il cuore grande delle ragazze" di Pupi Avati, "Diaz" di Daniele Vicari, "È stato il figlio" di Daniele Ciprì, "Posti in piedi in Paradiso" di Carlo Verdone e "Reality" di Matteo Garrone.Il film dei fratelli Taviani si è già aggiudicato diversi prestigiosi riconoscimenti tra cui l'Orso d'oro al Festival di Berlino e cinque David di Donatello.


Girato nella Sezione di Alta Sicurezza del carcere di Rebibbia ha come attori, prevalentemente, i suoi detenuti, dei quali alcuni segnati dal "fine pena mai". La storia è quella del Giulio Cesare shakespeariano, che, alla fine, viene rappresentato con successo sul palcoscenico del carcere. Di giorno in giorno, nelle celle, nei cubicoli dell'ora d'aria, nei bracci della Sezione il film racconta come, attraverso prove che sempre più coinvolgono i detenuti nel profondo, prende forza la grande tragedia, scoprendo nello stesso tempo le cadenze oscure della loro vita quotidiana di condannati.


«Ci stiamo imbarcando per il festival di New York e la notizia che ci ha raggiunto è davvero un bel buon viaggio. I film che concorrevano erano film di autori importanti per il cinema italiano e non solo italiano. Comunque il gioco è appena cominciato». Così Paolo e Vittorio Taviani hanno commentato l'investitura ricevuta dal loro film.


PER APPROFONDIRE:


AVVENIRE DEL 27/09/12

 
editore |28.05.2012
Thumbnail (1)

Un film realizzato con tutti i canoni della grande cinematografia, che ha cercato location giuste per un'ambientazione tipica, che ha realizzato costumi che ricalcano l'epoca, che ha fatto un'accurata ricerca di oggetti, di utensili, di materiali e accessori che lo collocano nella tradizione più fedele del film in costume.
La sapiente regia di SIMONE SPADA, la brillante fotografia di ALESSANDRO PESCI, nastro d'argento 2011, la sceneggiatura - di famiglia -  stesa da una Figlia di Maria Ausiliatrice (Suor Caterina Cangià) sono i tre elementi portanti sui quali si fonda quest'opera filmica di grande respiro.


Un film che raccoglie numerosi elementi storici dalle biografie di Santa Maria Domenica Mazzarello, dagli Atti dei processi di beatificazione e canonizzazione e dalla Cronistoria dell'Istituto, nonché dalle Lettere della Santa, tutti quegli elementi, citazioni e riflessioni leggibili e comprensibili dai giovani e dalla gente di oggi.
Sì, perché il film vuole soprattutto parlare al cuore di tutti, al cuore della grande Famiglia Salesiana. Vuol dire che la santità è possibile, è quotidiana, che la possiamo vivere e far risplendere attorno a noi camminando nel solco di un carisma.


Il film racconta dell'infanzia di Maìn perché si rivolge anche ai piccoli. A loro vuol far capire che non si nasce santi, ma che lo si diventa rispondendo alla grazia di Dio, ascoltando le persone che Lui ci ha messo accanto e parlando, soprattutto a Dio, con la preghiera, nella semplicità del cuore e della vita.


Il film dà un grande rilievo alla famiglia, perché nella famiglia si assorbe l'amore alla vita e si assorbono i valori. L'intesa di Maìn con il Papà è messa in rilievo da inquadrature illuminate dagli sguardi che si scambiano Padre e Figlia, sguardi, da parte del Padre, che invitano la bambina a rivolgersi a Gesù (scena della prima comunione nella Parrocchia di Mornese).


Il film si conclude con una veloce carrellata di elementi grafici e fotografici che raccontano l'espansione dell'Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice nel mondo. Le nazioni e gli anni di fondazione s'intrecciano e si susseguono con le fotografie d'epoca che, man mano, diventano fotografie di attualità. Tutto sulla bellissima musica del maestro e compositore ROBERTO GORI.
Luminose inquadrature accompagnano le riflessioni di Maìn lungo tutto lo scorrere del film e creano un contrappunto allo scorrere dei fatti storici.


La chiave di lettura del film consiste di tre parole che sono altrettanti impegni di vita: AMORE - RELAZIONI - PASSIONE EDUCATIVA.


L'amore per Gesù, per la propria famiglia, per le amiche, per la natura, caratterizza Maìn bambina e Maìn giovane e adulta. Tutto viene fatto per amore, tutto viene vissuto nell'amore. Nel film lo si sente spesso dire e soprattutto lo si vede vivere.
Le relazioni si costruiscono con il dialogo, la comprensione, l'attenzione amorevole all'altro, al piccolo. Ecco allora Maìn che accudisce una mamma ammalata, che accarezza i suoi bambini, che se ne occupa concretamente portando qualcosa da mangiare e portandosi via la biancheria da lavare. Le relazioni sono vissute nella semplicità, sono il tessuto quotidiano sul quale viene costruita la formazione e l'educazione, sono, soprattutto, il risultato di una grande, festosa relazione: quella con Gesù. Maìn gli promette che non passerà mai più un quarto d'ora senza pensarlo.
La passione educativa si manifesta nell'avere le "figliette" sempre presenti, nel fare tutto per loro, perché imparino un mestiere, perché non incorrano nei pericoli, perché si divertano, cantino e ballino. Perché crescano sotto lo sguardo di Maria, Madre che le ha a cuore più di ogni altra cosa.


Maìn supera delle prove nel film, come viene raccontato anche nella biografia. Supera la malattia del tifo e l'impossibilità a lavorare come faceva in precedenza, supera la prova dell'esilio alla Valponasca, dove viene confinata dalle incomprensioni e gelosie di gente del paese, supera fatiche e sofferenze. E questo perché vuole il bene delle ragazze.


Il film si presta a riflessioni, alla nostra contemplazione, a una funzione piena e gioiosa. Aspettiamolo comunicando a tutte le persone che circondano le nostre case e le nostre opere di aspettarlo con noi.


Intervista a suor Caterina Cangià
tratta da www.cgfmanet.org
Infonline: La Madre e il Consiglio generale ti hanno affidato il progetto di un nuovo film su Maria Domenica Mazzarello. Che cosa hai provato di fronte a questa proposta?

Suor Caterina Cangià: Al tempo stesso riconoscenza, emozione e… mi sono sentita invasa da un grande senso di responsabilità per il compito affidato. Il capolavoro di Sr Maria Pia Giudici: “Tralci di una terra forte” è stata ed è tuttora un'opera di notevole spessore contenutistico e stilistico e doverne preparare un'altra di altrettanto spessore, anche se con un linguaggio più rispondente all'oggi è, per me, una “prova”. Per questo confido molto nella presenza e nell'aiuto della stessa Maria Domenica e del Consiglio generale come confido anche nell'aiuto di chi, tra le FMA, ha studiato e ha scritto di Maria Domenica.


Infonline: Puoi dirci i passi previsti per la sua realizzazione?


Suor Caterina Cangià: I passi seguono la classica falsariga che precede, accompagna e segue la realizzazione di un film o di una fiction. Il primo è stato la ricerca di un regista; il secondo è stata la ricerca di una metafora che accompagnerà il film che per ora tengo segreta; il terzo è stata la stesura di un preventivo di spesa di massima, presentato al Consiglio generale durante il plenum di dicembre 2009 e approvato agli inizi del mese di gennaio 2010; seguirà la stesura della sceneggiatura da sottoporre per approvazione al Consiglio generale durante il plenum di luglio 2010. Si svolgerà immediatamente dopo la ricerca dei protagonisti, degli attori principali e secondari e del “comparsato”; si visiteranno e/o si cercheranno le location per girare il film. La ricerca degli attori protagonisti e non protagonisti verrà seguita dai provini e dai contratti. Si contatterà la film commission di Torino. Questa fase ci terrà occupati da luglio a dicembre 2010. A dicembre, durante il pleunum, si sottoporrà per approvazione la scelta del cast e seguirà la stesura del découpage tecnico, operazione che dettaglia, scena per scena, il fabbisogno tecnico dall'illuminazione alla recitazione. Intanto si lavorerà ai costumi, all'adattamento delle location e alla ricerca del fabbisogno in oggetti, mobili e quant'altro. Si pensa di girare il film nei mesi di giugno/luglio 2011, anche se si saranno fatte alcune riprese che occorrono, a Mornese e Nizza durante lo svolgersi delle stagioni. Dopo aver girato, da settembre 2011 a febbraio 2012 verranno fatti il montaggio e il mixaggio. Si pensa, con l'aiuto di Maria Domenica, di essere pronti con il film per la primavera del 2012.


Infonline: Certamente la produzione di un film implica un lavoro di squadra. Con chi lavorerai e con quali compiti precisi?


Suor Caterina Cangià: In primis ho individuato nella persona di Simone Spada, il regista. Mi occuperò personalmente della sceneggiatura per quanto si riferisce ai contenuti e alla parte creativa del film e verrò coadiuvata da uno sceneggiatore di professione per tutto ciò che riguarda invece l'aspetto tecnico. Ci sarà un aiuto-regista, un direttore della fotografia, uno o più fonici, i costumisti, gli scenografi e tutta la squadra di tecnici indispensabili quando si gira un film. Last, but not least, la stretta collaborazione con il Centro, con Suor Giuseppina Teruggi che ci affiancherà in questa grande impresa.


Infonline: Che cosa comporta affrontare questo tipo di progetto oggi, da parte di un Istituto religioso, a fronte di altre priorità urgenti?


Suor Caterina Cangià: Grande domanda questa. La decisione della Madre con il Consiglio generale è stata una scelta coraggiosa, fondata in primo luogo sull'amore per Maria Domenica e poi sul desiderio grande di farla conoscere e… amare da moltissime persone. La domanda, la richiesta di un film, sembra sia arrivata dalla gente che vive a contatto con noi, che condivide la nostra missione educativa, che ama Maria Domenica. Oggi è urgente comunicare ed è urgente far vedere, con il linguaggio più capito dalla gente, quello del cinema appunto, che custodiamo un carisma straordinario che va declinato nell'oggi.


Infonline: A quali destinatari si rivolge di preferenza il film?


Suor Caterina Cangià: A tutti. Semplice. E proprio perché si rivolge a tutti deve costruirsi con chiarezza, immediatezza di lettura, informazione, formazione ed emozione!


Infonline: Che cosa ci puoi dire sui tempi di realizzazione e di consegna?


Suor Caterina Cangià: I tempi sono intrecciati all'interno di quanto ho detto a proposito dei passi da seguire. La “prima” la deciderà il Consiglio generale. Forse il 13 maggio? Chissà. Comunque, la diffusione avverrà prima del 5 agosto 2012, data che segna il 140° di fondazione dell'Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice.


Infonline: Quale la tipologia del nuovo film?


Suor Caterina Cangià: Il film sarà una fiction in costume. Non può essere che una fiction in costume perché si desidera “narrare” Maria Domenica, il suo tempo, la sua terra, la sua vita, il suo carisma. Forse ci sarà una scena di prologo o di epilogo calata nell'oggi. Chissà.


Infonline: Le difficoltà più grandi che prevedi e … i sogni che tieni nel cassetto


Suor Caterina Cangià: Le difficoltà? Preferisco non prevederle ma attrezzarmi per superarle. Come? Con la preghiera, con la meditazione sulla figura e sulla vita di Maria Domenica, con il parlare di lei e del film a chi mi circonda. I sogni? Che sia un bel film, bello in tutti i sensi che questa parola nasconde. E solo se bello potrà raggiunger il cuore di molti.


Ho da aggiungere piccole cose che stanno succedendo già. Ho parlato ai bambini della mia Bottega d'Europa del film che faremo. Una sera trovo, sotto alla porta dello studio, un foglio A4 con su scritto: “Sister, ho finito di leggere un libro su Maria Mazzarello ed è pure a disegni. Te lo presto.” Smack! Firmato Sofia Nicolai (9 anni). 
L'indomani mi porta il libro illustrato e nel consegnarmelo mi dice: “Ti piacerà, parla di suore e poi tu sei una discendente di Santa Mazzarello”. Dopo il coro, prima di andare a casa mi chiede: “Quando lo cominci a leggere?” E io: “Questa sera. Non vedo l'ora”.




 
editore |18.05.2012
{C81D213B-84A3-405F-B70B-321E13FE657B}_nove

"Perchè avete paura?" La speranza dalle Scritture. Un nuovo modo per incontrare la Bibbia


Sono ben 14 le mostre che il Festival Biblico offre nelle sue diverse sedi, disseminate tra Vicenza, Verona, Bassano del Grappa e Chiampo.


Dal 18 maggio 4 di queste aprono i battenti a Vicenza.


Alle ore 17 a ViArt (Palazzo del Monte di Pietà) si tiene l’inaugurazione dell’esposizione di opere di artisti contemporanei della ceramica organizzata dal Museo Civico della Ceramica del Comune di Nove in collaborazione con Vi.Art. e il sostegno del Credito Valtellinese. «Di chi avrò timore?» (Sal 27,1) Dare volto alle paure per plasmare speranza è il titolo di questa rassegna artistica a cura di Katia Brugnolo. Vengono presentate opere inedite di 20 artisti della ceramica provenienti da ben 5 regioni d’Italia.


«Le interpretazioni proposte dagli artisti in taluni casi recuperano i simboli inclusi nel passo evangelico che ispira il titolo del Festival, ovvero la tempesta sul lago di Tiberiade: la barca, i pesci, elementi che hanno assunto un ricorrente valore simbolico - spiega Katia Brugnolo -. In molteplici casi, invece, l’opera diventa metafora ed è importante riconoscervi i temi della Paura e della Speranza dalle Scritture, dando voce agli artisti stessi, alle loro personali spiegazioni».


La mostra delle opere di ceramiche resterà aperta fino al 10 giugno.


Sempre il 18 maggio alle ore 18.30 nel complesso monumentale di San Silvestro (Contrà San Silvestro) taglio del nastro per un’altra esposizione: Le grandi acque non possono spegnere l’amore né i fiumi travolgerlo (Ct 8,7), collezione di opere di pittura sacra di Giustina De Toni.


Infine sono altre due le esposizioni che aprono le porte ai visitatori dal 18 maggio: Sabastyia. I frutti della storia e la memoria di Giovanni Battista. Un progetto di archeologia, conservazione e comunità locale in Palestina, curata da Carla Benelli, visitabile nella Loggia del Capitaniato, in piazza dei Signori. Quindi Non abbiate paura. Dal buio alla luce, rassegna d’arte di pittura e scultura di artisti aderenti all’Unione cattolica artisti italiani (Ucai) di Vicenza «Fra’ Claudio Granzotto».


Tutte queste esposizioni sono a ingresso libero e gratuito.


 


ARTICOLO CORRELATO


da: SIR Giovedì 17 maggio 2012


Perché avere paura?


"La prossima edizione del Festival biblico prenderà ispirazione dall’Anno della fede indetto da papa Benedetto XVI, per riflettere sul tema del rapporto tra il credente e la libertà, e far comprendere che la fede non è contraria alla libertà, anzi genera rinnovamento e incontro”. Ad anticiparlo è mons.Roberto Tommasi, presidente del Festival biblico (www.festivalbiblico.it), che inizia domani, 18 maggio, a Verona – sul tema “‘Perché avete paura? (Mc 4,40)’. La speranza dalle Scritture” – per “trasferirsi” poi a Vicenza, sede storica dell’iniziativa, dove resterà fino al 27. Maria Michela Nicolais, per il Sir, ha intervistato mons. Tommasi"... (visualizza l'articolo)

 
DSC_0598
11-13 luglio Brescia

 

CONVEGNO DI AGGIORNAMENTO E SEMINARIO DI STUDIO IRC 2017

«ICA»: chi siamo? Newsletter La redazione